24. febbraio 2015

MAP 12+52 di EuroChem Agro

Il concime granulare ad elevato titolo in fosforo per una partenza sicura

Il fosfato mono ammonico di EuroChem Agro: MAP 12+52 è un concime granulare NP ad elevato titolo in fosforo, ottenuto attraverso la neutralizzazione di acido fosforico con ammoniaca. L’azoto si trova interamente in forma ammoniacale, e il fosforo che caratterizza il formulato, è in forma completamente solubile e disponibile.   

MAP 12+52 è il prodotto ideale per la concimazione di presemina o post emergenza precoce, in quanto il forte apporto di fosforo assimilabile stimola lo sviluppo radicale della giovane plantula, con effetti positivi sull’uniformità di crescita della coltura e sulla resa produttiva finale. La piena funzionalità dell’apparato radicale, infatti, consente un migliore assorbimento degli elementi nutritivi dal suolo, migliora l’efficienza d’uso dell’azoto grazie all’aumento dell’intercettazione delle frazioni solubili e riduce lo stress idrico nelle annate a decorso siccitoso.

MAP 12+52 di EuroChem Agro è realizzato con materie prime di elevata qualità che contribuiscono a renderlo un concime fosfatico “pulito”. Questo è molto importante, in quanto uno dei principali problemi legati all’impiego di concimi fosfatici è l’accumulo di cadmio e talvolta radionuclidi, che pervengono ai terreni con concimi derivanti da rocce fosfatiche contaminate.

MAP 12+52 localizzato vicino alla fila durante la semina consente di ridurre il fertilizzante impiegato e determina un marcato “effetto starter”. L’azione del fosforo solubile in sinergia con l’azoto ammoniacale è amplificato dalla prossimità alla radice della plantula, e innesca un circolo virtuoso (priming effect) grazie al quale la pianta beneficia fino alla raccolta del vantaggio accumulato.

Per le sue caratteristiche specifiche MAP 12+52 è particolarmente indicato per la semina di soia, medica e leguminose in generale, dove il fosforo forza lo sviluppo radicale e la quota di azoto ammoniacale supporta lo sviluppo della pianta fino a quando non è in grado di fissare l’azoto autonomamente.

 

indietro